Curcuma: Benefici e proprietà per il nostro benessere

0
322
Curcuma radice medicinale

La curcuma è una pianta appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae ed è sempre più apprezzata per i tanti benefici, proprio per questo è largamente impiegata in diverse preparazioni.

Inizialmente il suo uso era riservato solo all’ambito alimentare, usata insomma come spezia, ma diversi studi hanno dimostrato che le sue proprietà benefiche potevano essere impiegate anche per promuovere un benessere generale di tutto il corpo.

Ecco perché è cresciuta la volontà di approfondire sempre di più la conoscenza delle proprietà benefiche della curcuma così che possa essere inserita sempre in più prodotti dedicati al benessere.

In questo articolo vedremo in maniera approfondita tutti gli aspetti della curcuma, quali sono i principi naturali che creano beneficio alla salute, in quali  modi è impiegata e quali sono eventuali effetti collaterali. Faremo un’analisi completa ed esaustiva toccando tutti gli aspetti.

La polvere giallo ocra dalle molteplici proprietà!

Curcuma spezia per il benessere

Come abbiamo detto precedentemente, la curcuma è una pianta che fa parte della famiglia delle Zingiberaceae, questo termine è usato per indicare all’incirca 80 specie differenti e non per indicare un’unica varietà di pianta.

La curcuma è presente in commercio sotto forma di polvere, dal tipico colore giallo ocra, ricavata dal rizoma (la radice) della pianta stessa.

Sono numerosi i settori, non solo alimentari, nei quali viene impiegata la curcuma, basti pensare al settore tessile dove è usata come colorante naturale per i tessuti.

Le proprietà che la curcuma ha racchiuse in sé l’hanno resa però perfetta per essere ingrediente principale di molti integratori pensati per accrescere il benessere dell’organismo.

Curiosità:

  • in India la curcuma è un portafortuna, le spose il giorno del matrimonio, ne portino un pezzetto al collo
  • la curcuma è tra gli ingredienti principali del curry indiano.

I benefici della Curcuma:

Benefici della curcuma

Vediamo ora, più nello specifico, quali sono le proprietà che rendono la curcuma così ricercata e voluta all’interno di prodotti legati al settore del benessere e della salute.

La maggior parte delle proprietà benefiche della curcuma sono date dalla curcumina, un principio attivo facente parte dei curcuminoidi.

Questa spezia ha, tra le altre, una buona azione antiossidante, questa caratteristica permette alla curcuma di essere un valido alleato contro le infiammazioni di vario genere ed anche contro le cellule tumorali. Sia chiaro, non stiamo dicendo che la curcuma debba sostituirsi alle normali terapie farmacologiche, ma può sicuramente essere un aiuto in più.

Oltre che intervenire sulle infiammazioni, la curcuma interviene anche sul dolore. E’ definita, non a caso, tra i migliori antidolorifici naturali. Trova particolare efficacia nei dolori articolari, molti medici consigliano di aggiungere polvere di curcuma a crudo sulle pietanze, in sostituzione del sale.

Un’altra funzione importante computa dalla curcumina è quella di ridurre l’insulino-resistenza. Si tratta di una condizione che non solo favorisce l’insorgere del diabete mellito, ma è anche sindrome metabolica. Studi scientifici dimostrano che riducendo l’insulino-resistenza la qualità della vita migliora sensibilmente.

Altra proprietà della curcuma è quella di agevolare la fluidificazione del sangue, in questo modo la circolazione migliora ed il muscolo cardiaco lavora con minor sforzo, ma non solo, la curcuma ha anche proprietà antitrombotiche, anti aritmie atriali e ventricolari e collabora a mantenere i livelli di colesterolo nei limiti.

La curcuma, per mezzo della curcumina, agisce processi digestivi. Il suo compito, nello specifico, è quello di aiutare la sintesi e la produzione della bile, in questo modo la funzione epato-biliare è facilitata. Ciò genera un miglioramento della digestione con una diminuzione dei fastidi gastrointestinali in pazienti affetti da disturbi cronici.

La curcuma, soprattutto in questi ultimi tempi, ha trovato largo impiego anche nella preparazione di integratori dimagranti a base di curcuma, spesso viene abbinata con la piperina, altro elemento naturale, per accrescerne l’efficacia.

La curcuma ha effetti collaterali?

In linea generale possiamo dire che la curcuma, essendo una sostanza naturale, non comporta nessuna controindicazione. Potrebbero però insorgere alcuni lievi effetti collaterali unicamente nel caso in cui vi sia un eccesso nelle dosi. In questi casi potrebbero verificarsi episodi di nausea o acidità di stomaco.

Come detto, la curcuma può essere usata con tranquillità, vi sono tuttavia alcune categorie di persone, o più specificatamente alcune situazioni di salute, nelle quali è bene non consumare questa spezia, vediamole:

  • qualora vi siano forme allergiche alla curcuma ed ai suoi principi attivi è meglio evitare l’uso
  • se l’individuo presenta emofili, calcoli renali è opportuno non consumare curcuma
  • anche nel periodo gravidico e dell’allattamento è consigliabile non assumere curcuma
  • è sconsigliato assumere curcuma quando si sta seguendo una cura farmacologica. Pur essendo una sostanza naturale, i principi attivi potrebbero interferire sugli effetti dei farmaci.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here